Dello Scompiglio

Dello Scompiglio

Il Cimitero della Memoria

A CURA DI ANGEL MOYA GARCIA CON CECILIA BERTONI

SILVIA GIAMBRONE, DAVIDE ORLANDI DORMINO, GIAN MARIA TOSATTI, BARBARA UCCELLI, ENRICO VEZZI E CLAUDIA ZICARI

Il Cimitero della Memoria

Il Cimitero della Memoria Silvia-Giambrone.jpgIl Cimitero della Memoria Gian_Maria_Tosatti.jpgIl Cimitero della Memoria Davide_Orlandi_Dormino.jpgIl Cimitero della Memoria Claudia-Zicari.jpgIl Cimitero della Memoria Enrico-Vezzi.jpgIl Cimitero della Memoria Barbara-Uccelli1.jpg

La mostra, che è visitabile anche a sé stante, è nata come terza tappa della performance Riflessi in Bianco e Nero, con la regia di Cecilia Bertoni, ed è stata inaugurata in occasione della prima della performance, il 29 e 30 maggio 2010, nell’ambito della manifestazione Maggio Dello Scompiglio.

Il Cimitero della Memoria si sviluppa sul territorio di una vecchia vigna, i cui resti sono pilastri di cemento. Ricordi effimeri, simulacri, vuoti calpestabili, librerie di frammenti dimenticati, spazi privati, immagini incustodite, passaggi socchiusi, luoghi mentali in bilico tra il passato e il presente degli artisti invitati a riflettere per elaborare una lettura soggettiva della memoria.

Assimilazione, ritenzione, stratificazione, acquisizione e codificazione di nozioni, recepimento dello stimolo, traduzione in rappresentazione interna stabile e registrabile, categorizzazione, etichettatura legata agli schemi e alle categorie preesistenti, immagazzinamento o stabilizzazione delle informazioni apprese durante l’esperienza. Conosciamo appena i processi neurofisiologici connessi alla memoria e all’oblio e non sappiamo ancora indicare con precisione i loro luoghi nonostante gli intenti e i concetti legati alla sua definizione. La memoria può essere considerata un processo o solo un insieme di ricordi e immagini mentali? Una riproduzione esatta del passato o una sua ricostruzione approssimata? Possiamo considerare l’ecmnesia, la trasformazione dei ricordi in esperienze attuali, come una patologia della memoria o come il normale sviluppo di essa? Fino a che punto possiamo vivere il presente senza condizionamenti o vincoli con il passato?

Di fronte a queste problematiche, otto artisti sono stati invitati per proporre una visione, un’interpretazione e una lettura soggettiva del proprio rapporto con la memoria. L’insieme denota un paradosso tra la tensione violenta con il proprio passato e la necessità di emancipazione nel proprio presente.


Silvia Giambrone Simulacra (2010
)
tecnica: bronzo; dimensioni ambientali

Davide Orlandi Dormino  Untitled (2010)

tecnica: cemento armato e resina epossidica;
 dimensioni: 600 x 400 cm

Gian Maria Tosatti  Le considerazioni sugli intenti della mia prima comunione restano lettera morta - spazio #03 (the dreamers) (2010)

tecnica: ferro, legno e cristallo;
 dimensioni ambientali

Enrico Vezzi  ArbitraryGates (2010)

tecnica: tre cancelli, cerniere modificate, meccanismo a molla;
 dimensioni ambientali

Claudia Zicari  Pensatoio (2010)

tecnica: ferro;
 dimensioni: 250 x 50 x 50 cm

Barbara Uccelli  Sleeping-Beauty (2013)

tecnica: vetro e cavetto di acciaio inox;
 dimensioni ambientali

 

DELLO SCOMPIGLIO

CUCINA CULTURA
2021 vimeo     instagram cultura1     instagram cultura1     telegram     2021 vimeo     issuu fbcucina     instagram cucina1 fbcultura

 

 

 

CUCINA +39 338 6118730   |   ASSOCIAZIONE CULTURALE +39 0583 971475   |     SPE +39 0583 971125   |     TERRAeFORESTA +39 338 7884066   

via di Vorno 67   55012 Vorno, Capannori (LU)     ©2021  Privacy - Cookie Policy

×

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.