Dello Scompiglio

Dello Scompiglio

SPE - SPAZIO PERFORMATICO ED ESPOSITIVO   

15 SETTEMBRE-23 DICEMBRE 2018

Alejandro Gómez de Tuddo
Columbarium

progetto vincitore del bando della morte e del morire

 

assemblaggio suono  Gonzalo Peniche e Gabriela Mendez

2018 DMDM 03

Alejandro Gómez de Tuddo  Columbarium  Centro Nacional de las Artes, Mexico City, October 2017-February 2018. Courtesy l’artista


Nato a Città del Messico, il suo lavoro comprende vari campi delle arti, principalmente quello della fotografia, il video e l’installazione. Gran parte della sua ricerca si concentra sulla caducità della vita e sul tema della morte, declinandosi su diversi livelli tra cui la “necrogeografia” e il rapporto fra la città dei vivi e quella dei morti, il microcosmo dei cimiteri, l’identità mancata post mortem, la metempsicosi e le tradizioni popolari, i resti e la memoria dei corpi come nature morte e la metafora dell’assenza. Negli ultimi sette anni, nei suoi tour per oltre 700 cimiteri di tutto il mondo, Alejandro Gómez de Tuddo ha realizzato innumerevoli registrazioni audio e fotografato oltre cinquemila ritratti di defunti.

Nell'installazione Columbarium, l'artista riproduce una traccia sonora con questi suoni e ripropone alcuni di questi ritratti, stampati in bianco e nero, su carta comune. L'installazione pone un discorso sullo sguardo, i ricordi e la memoria, che risuona come un dialogo tra la vita e la morte, dove lo sguardo diventa sia onnipresente che anamorfico. Non rappresenta solo la morte guardandoci, ma ci rappresenta anche e a sua volta guardandola, attraverso i ritratti funebri che i vivi hanno deciso di conservare come l'immagine dei loro morti.

Il ritratto funerario facilita l'ingresso dell'osservatore nel processo psichico relativo al lutto e alla perdita, come il registro di un momento e un modello che non sono più. L'entropia fa anche parte dell'installazione, attraverso i volti che sono stati cancellati, incrinati o semplicemente scomparsi. Ogni volto, ogni vita, ogni essere amato era e non è più, queste immagini di sguardi silenziosi stampati su un substrato fragile e deperibile, sono allo stesso tempo una rivelazione sull'impossibilità di rappresentarli e di rappresentare la morte stessa.

Il Columbarium provoca nell'osservatore una midriasi, causata da uno stato di coscienza allucinatoria, che ci aiuta ad affrontare l'aporia, ricordandoci che ciò che ci manca nella vita è l'immagine della nostra stessa morte. Dissolvendo i confini tra fotografia, ritratto e installazione, Alejandro Gómez de Tuddo rielabora l'estetica dell'evanescenza e del perpetuo, dove lo spazio incontra il tempo e la morte la vita.


 

Alejandro Gomez de Tuddo, Columabarium

Alejandro Gomez de Tuddo, Columabarium 2_Tuddo.jpgAlejandro Gomez de Tuddo, Columabarium 3_Tuddo.jpgAlejandro Gomez de Tuddo, Columabarium 1_Tuddo.jpg

 

DELLO SCOMPIGLIO

CUCINA CULTURA
2021 vimeo     instagram cultura1     instagram cultura1     telegram     2021 vimeo     issuu fbcucina     instagram cucina1 fbcultura

 

 

 

CUCINA +39 338 6118730   |   ASSOCIAZIONE CULTURALE +39 0583 971475   |     SPE +39 0583 971125   |     TERRAeFORESTA +39 338 7884066   

via di Vorno 67   55012 Vorno, Capannori (LU)     ©2021  Privacy - Cookie Policy

×

CONTATTI
BIGLIETTERIA SPE

+39 0583 971125

biglietteria@delloscompiglio.org

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.