logovert

Cultura e coltura

L’idea di rispetto ambientale realizzata attraverso le opere di bioarchitettura non si limita ai concetti della salvaguardia di specie vegetali o animali, ma considera l’ambiente nel suo complesso di territorio, flora, fauna e persone che lo popolano, lo vivono, lo modificano.

Le persone 
Il personale è in gran parte composto da persone residenti o comunque fortemente radicate nella zona, e da giovani che possono crescere e formarsi con il Progetto. In ogni contratto di lavoro, prestazione d’opera o appalto è sempre contenuto l’articolo “rispetto per l’ambiente” con il duplice intento di tutelare la terra che ci ospita e di mantenere attiva una ricerca che trova il suo senso nell’evoluzione continua.

Della flora e della fauna 
Nelle aree di monte, per dare spazio ad alberi e arbusti tipici, si sostituiscono le specie infestanti o a fine ciclo vegetativo con l’ausilio di boscaioli esperti e di un tree climber. Nelle zone storicamente adibite a coltivazioni si recuperano le destinazioni, ripulendo uliveti, vigneti e frutteti dai rovi e dall’incuria. Le specie tipiche o rare sono tutelate e lasciate libere di crescere dove si sono sviluppate durante gli anni di abbandono; specie autoctone comuni vengono allevate e reimpiantate nelle zone pulite dai rovi. La collina dell’Uccelliera, al centro della Tenuta, è lasciata libera dalle coltivazioni perché possa essere vissuta come zona paesaggistica.

Azienda agricola 
Si ispira ai principi della biodinamica. La terra è concepita come un organismo complesso con il quale collaborare e non come uno strumento da sfruttare. Nell’orto e nel frutteto si coltivano ortaggi e frutti biologici tentando di recuperare vecchie varietà. Nelle vigne nuove sono state impiantate viti ricavate dalla vigna Madre o syrah, che viene coltivato in lucchesia dal 1600. Il vino che se ne ricava rispecchia il territorio e l’annata che lo hanno generato. I vecchi olivi sono stati in parte recuperati, e condividono lo spazio con le piante, principalmente ciliegi ed eriche, che negli anni di abbandono si sono sviluppate all’interno degli uliveti.

Cucina Dello Scompiglio 
Unendo tradizione e innovazione la Cucina propone piatti legati alle produzioni ortofrutticole stagionali della Tenuta e del territorio con particolare attenzione per i piatti vegetariani.

Associazione Culturale 
L’attività performatica e gli spazi esterni ed interni sono in costante dialogo e si influenzano a vicenda: ogni luogo può diventare spazio scenico ed ogni luogo è influenzato dall’attività artistica. Anche lo SPE (Spazio Performatico ed Espositivo), costruito secondo le tecniche della bioarchitettura e della bioedilizia, prosegue la riflessione sul rapporto fra interno ed esterno, esaltandol’assenza di influenza dell’esterno. Gli artisti, attraverso un periodo di residenza propedeutico alla creazione della propria opera, hanno la possibilità di immergersi nella vita della Tenuta ed istaurare un dialogo con il luogo.

 

Tenuta Dello Scompiglio   via di Vorno 67/B 55012 Vorno, Capannori (LU) ©2013 - Privacy Policy
Cucina +39 0583 971473   Associazione +39 0583 971475   SPE +39 0583 971125