logovert

Cerca nel sito

Associazione Culturale Dello Scompiglio

Direttore artistico: Cecilia Bertoni
Membri fondatori: Cecilia Bertoni, Michela Giovannelli, Maria Lucia Carones
Co-Direttore per le Arti Visive: Angel Moya Garcia

L'Associazione Culturale Dello Scompiglio intende offrire a artisti, musicisti, performer e danzatori la possibilità di creare una loro opera in ambiente esterno e di riproporla come metamorfosi nello SPE - Spazio Performatico ed Espositivo Dello Scompiglio.

Il Progetto Dello Scompiglio si concretizza in un processo trasversale di interrelazione e responsabilità fra Cultura e Natura. Questa dualità configura un’epidermide o una soglia che si esprime in modo netto nel contrasto tra gli spazi interni completamente neutri e gli spazi esterni che mischiano in modo sottile la storia antropologica e lavorativa del luogo con l'invasione e poi riorganizzazione della natura. Un contrasto che si dilata, nella programmazione, attraverso interventi che, da una parte, si interrogano sul confine tra le diverse discipline delle arti contemporanee e, dall’altra, affrontano dialettiche quali effimerità e permanenza, identità e alterità, ineluttabilità e incertezza, memoria del passato e finzione dei ricordi nel presente, presenza e assenza, vita e morte.

Impulso > Dare
spazio a una cultura
dove i sensi, l’istinto
l’incontro fra
artisti, pubblico,
natura, coltura
siano stimolati, eccitati,
riempiti, svuotati...
Dove in mezzo al
Pubblico ci si possa
sentire forse un po’
più individui.

Scompigliare il glossario dei linguaggi
teatrali e visivi codificati,
creando uno spazio di sogno - e d’incubo.
Contrapporre linguaggi
per farli diventare più chiari.
Farli sbattere l’uno contro l’altro.
Lasciarli fluire, uno nell’altro,
fino allo svanimento.
Unisono.

Sono inclusi nell’organismo della Tenuta alcuni edifici che sono dedicati all’attività dell’Associazione Culturale Dello Scompiglio. Edifici restaurati che mostrano la co-presenza di contemporaneo e antico, neutralità e predeterminazione: gli spazi performatico ed espositivo SPE (teatro e galleria), la cappella, la casa quadrata. Lo spazio performatico è stato realizzato da un antico casolare contadino. Fornito di attrezzature tecniche che lo rendono flessibile agli usi più svariati, una capienza di circa 120 posti, con la possibilità di diverse disposizioni per quanto concerne il rapporto pubblico/scena. Lo spazio espositivo sotterraneo, così come quello performatico, è uno spazio completamente neutro e isolato dalle infuenze del genius loci, dove l’artista potrà esibire le proprie creazioni in una condizione scevra da interferenze.
Un secondo spazio espositivo è la cappella, luogo tutt’altro che neutro, bensì estremamente caratterizzato dal punto di vista artistico e denso di significati che influiscono sulle attività che vi si svolgono. Gli spazi chiusi possono ospitare opere di carattere più duraturo, quelli esterni potranno e dovranno avere un carattere più transitorio, mutevole, a volte deperibile.
L’accento è sulla percezione dell’artista e la sua capacità d’interazione con gli ambienti in- terni ed esterni come mediazione che crea un nuovo gioco di prospettive e interpretazioni che dà vita a nuovi linguaggi.

Accanto alle produzioni teatrali della Compagnia, l'Associazione intende promuovere in loco residenze di artisti, laboratori e workshop, ospitalità di spettacoli, rassegne di video arte, installazioni e percorsi all‘aperto, rassegne e attività per bambini, lezioni Metodo Feldenkrais®.
Cecilia Bertoni

Tenuta Dello Scompiglio   via di Vorno 67/B 55012 Vorno, Capannori (LU) ©2013 - Privacy Policy
Cucina +39 0583 971473   Associazione +39 0583 971475   SPE +39 0583 971125