logovert

Arti Performatiche

Cerca nel sito

box thumbnails

Mozart, così fan tutti

novembre 2013 - dicembre 2014 
direzione artistica di Antonio Caggiano

SPE - Spazio Performatico ed Espositivo
30 novembre 2013
ore 21.00

Sentieri selvaggi

Concerto

Il 30 novembre l’inaugurazione della rassegna Mozart, così fan tutti alle ore 21.00 con un Concerto dell’ensemble Sentieri selvaggi diretto da Carlo Boccadoro, con musiche di Filippo Del Corno, Arvo Pärt, Gavin Bryars, Carlo Boccadoro, Michael Torke e Carlo Galante, di cui viene proposta una prima esecuzione assoluta.

Il concerto, che propone partiture di ricerca ma allo stesso tempo accessibili a chiunque si avvicini con curiosità al mondo della musica contemporanea, si confronta con tutte le sfumature del carattere mozartiano: creatività, innovazione, sperimentazione ma allo stesso tempo Gioia di far Musica. 

Sentieri Selvaggi ensemble

Sentieri Selvaggi ensemble 2013_concerto_sentieri_selvaggi_ensemble.jpgSentieri Selvaggi ensemble carloboccadoro1.jpgSentieri Selvaggi ensemble carloboccadoro2.jpgSentieri Selvaggi ensemble SentieriSelvaggi.jpgSentieri Selvaggi ensemble SentieriSelvaggi2.jpgSentieri Selvaggi ensemble SentieriSelvaggi3.jpg

Filippo Del Corno Musica Profana
Arvo Pärt Mozart - Adagio
Gavin Bryars Non la conobbe il mondo mentre l'ebbe
Carlo Boccadoro Soul Brother N°1
Carlo Galante L'Incantevole ritratto (prima esecuzione assoluta)
Michael Torke The Telephone Book

Paola Fre flauto
Mirco Ghirardini clarinetto
Andrea Rebaudengo pianoforte
Andrea Dulbecco vibrafono e percussioni
Piercarlo Sacco violino
Aya Shimura violoncello
Carlo Boccadoro direzione

Il concerto sarà trasmesso in live streaming su radiocemat.org, a cura di Federazione CEMAT.


In “Musica Profana” Filippo Del Corno raccoglie in un polittico tre composizioni realizzate nell’arco di dieci anni: “L’uomo armato”, ispirata all’antica canzone popolare francese ‘L’homme armé’, ripropone la melodia originale in un rinnovato tessuto ritmico, dall’incessante battito percussivo, ricco di stilemi della musica funk. “Mancanza di soldi” riprende una melodia mutuata dai grandi maestri della polifonia rinascimentale, ‘Faulte d’argent’, utilizzando una strutturazione formale, derivata dalla musica lounge, per la quale ogni strumento ripete in loop uno o due, al massimo tre frammenti sempre uguali a se stessi. “Risvegliatevi!”, ultimo capitolo della trilogia, riprende anche in questo caso una melodia antica ‘Réveillez vous’, traducendo le tecniche compositive della polifonia rinascimentale secondo il linguaggio della musica techno, soprattutto nella sua declinazione “acida”. Il fluttuare dell’aerea melodia di ‘Réveillez vous’ può suonare come ironica incitazione rivolta ai partecipanti dei rave più estremi a risvegliarsi dallo stordimento di una notte passata al ritmo estenuante dei ritmi techno.

Mozart – Adagio” di Arvo Pärt, è la riscrittura per trio di una pagina di Mozart in cui non vengono variate le note ma solamente i timbri e i colori, attraverso l’utilizzo di tecniche strumentali contemporanee. Il brano non è un arrangiamento né un collage. L’approccio di Pärt all’originale lavoro mozartiano non è giocoso o faceto, come per il brano ispirato all’opera di Bach “Wenn Bach Bienen gezüchtet hätte”, quanto piuttosto cauto e rispettoso. Aspetti della composizione mozartiana e del particolare stile compositivo del tintinnabuli di Pärt sono perfettamente calibrati in questa opera dalla quale emerge un incontro “spirituale” tra il XVIII e il XX secolo.

Ispirato ai famosi versi di Francesco Petrarca, il brano “Non la conobbe il mondo mentre l’ebbe” di Gavin Bryars è, come tutte le musiche del compositore inglese, un adagio dal carattere meditativo e lirico la cui semplicità melodica è in parte ispirata alle “Laude Gregoriane Italiane”. “Non la conobbe il mondo mentre l’ebbe” è stato commissionato all’autore da Sentieri selvaggi in occasione della stagione di Musica contemporanea 2006 “Il Femminile”, ed eseguito in prima assoluta il 19 giugno 2006 al teatro dell’Elfo di Milano ed è successivamente entrato nel repertorio dell’ensemble.La carica esplosiva sprigionata dalla musica soul è alla radice di “Soul Brother N°1”, partitura che l’autore Carlo Boccadoro dedica ad Andrea Dulbecco, vibrafonista dell’ensemble Sentieri selvaggi e amico fraterno del compositore (da qui Soul Brother, nel doppio riferimento al genere musicale ma anche al legame umano tra i due).

In “Soul Brother N°1” il solista si esibisce in un indiavolato concerto per vibrafono ed ensemble dove appare in filigrana la figura ispiratrice del grande James Brown. Il brano è stato eseguito in prima assoluta l’11 novembre 2011 all’Auditorium Parco della Musica, nella stagione dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia, in collaborazione con RomaEuropa Festival.

Del brano “L’Incantevole ritratto”, in prima esecuzione assoluta, l’autore Carlo Galante dice: “Dall’incantevole aria di Tamino del ‘Flauto Magico’, in cui egli vede e si incanta del ritratto di Pamina, provengono i materiali musicali che innervano questa piccola fantasia ‘mozartiana’ per clarinetto, violoncello e pianoforte; materiali musicali che non vengono mai citati integralmente ma che sono, di volta in volta, lievemente deformati, scomposti e ricomposti in una parafrasi un po’ surreale ma delicata. Si possono riconoscere parti della melodia originale, alcune figure di accompagnamento, ma il tutto è ‘montato’ seguendo un percorso nuovo e originale seppure sottilmente allusivo. L’andamento sostanzialmente espressivo di gran parte del brano ha un ‘sussulto’ nella parte conclusiva, dove un ritmico pedale di re suggella in ‘crescendo’ il finale. Un finale ‘esasperato’ da una serie di battiti ‘lignei’ (l’ardente cuore di Tamino?)”.

The Telephone Book”, di Michael Torke, è un trittico di brani di cinque minuti l’uno ispirati agli elenchi telefonici statunitensi, con riferimenti alla musica pop e jazz e composti per quintetto (flauto, clarinetto, pianoforte, violino, violoncello). Da molti anni nel repertorio di Sentieri selvaggi e uno dei cavalli di battagli dell’ensemble, “The Telephone Book” sviluppa microframmenti tematici per dar vita a periodi musicali di ampie dimensioni, con uno sguardo sorridente e irriverente proprio come quello del genio salisburghese.


Biglietti

BIGLIETTI
INTERO: € 12,00
RIDOTTO: € 7,00

Cucina Dello Scompiglio

box thumbnails

La Cucina, subito fuori le mura della Tenuta, è sempre aperta prima e dopo gli spettacoli allo SPE per pranzare, fare merenda, prendere l’aperitivo o cenare nei suoi spazi interni ed esterni.


Sono previste riduzioni del 10% 
sul menu alla carta per chi presenta 
il biglietto degli spettacoli.


informazioni e prenotazioni
+39 0583 971473 / +39 338 6118730
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Calendario

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31        

TENUTA DELLO SCOMPIGLIO 
Cucina +39 0583 971473      Associazione +39 0583 971475      SPE +39 0583 971125
via di Vorno 67   55012 Vorno, Capannori (LU)

©2019 - Privacy e Cookie Policy